COSA VISITARE

Bagni del Sole e della Luna

Tra Bacoli e Monte di Procida si trova il colombario di Via Miliscola, un sito archeologico caratterizzato da una serie di ambienti sepolcrali di epoca romana.

È un complesso sepolcrale di età imperiale romana con una struttura ad ipogeo dalla particolare forma circolare anziché rettangolare.

Villa Cerillo

Cisterne e vasche site in sei cavità scavate nella montagna di Miseno per allevamento pesci appartenute al console Lucullo.

Fu costruito a Miseno in epoca post-augustea per allietare con spettacoli la più grande flotta romana imperiale.

Una costruzione di metà 800, doveva essere un immobile costruito su palafitte, sull‘acqua, poi trasformato in Gran Ristorante per volere del Re Ferdinando.

VIDEO

Da Capo Miseno la descrizione dell'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. ad opera di Plinio il Vecchio in uno speciale raccontato da Rai Storia.

Casina Vanvitelliana di Bacoli sul Lago Fusaro introdotta dalle voci di Alberto Angela e Francesco Pannofino con le suggestive immagini della Rai.

Il Centro Storico di Bacoli attraversato da Eva Herzigova nel primo film di Vincenzo Salemme "L'amico del cuore".

Vincenzo Salemme, attore e regista, racconta Bacoli, la sua città d'origine, e la propria infanzia in uno speciale di "MixItalia" trasmesso da Rai Uno.

Piscina Mirabile riceve visita delle telecamere di Atlantide, trasmissione di La7, alla scoperta della imponente cisterna augustea

Scusate il ritardo, il bacio tra Massimo Troisi e Giuliana De Sio sulla riva della spiaggia di Miliscola

La Casina Vanvitelliana fa il suo ingresso nella cinematografica con il film di Lina Wertmuller, "Ferdinando e Carolina" nel 1999.

Spiaggia di Miseno in una scena del film di Paolo Sorrentino "L'uomo in più" con Toni Servillo che ordina cozze e pesce.

STORIE BACOLESI

Salendo l'Arco Felice, lungo il muro di cinta si riconoscono tre filari di blocchi di tufo giallo messi in opera con tecnica isodoma.

Splendida escursione con foto alle cosiddette Peschiere di Lucullo di Miseno, strutture e cisterne magiche che meritano il rispetto della conoscenza.

Nel Centro Antico di Bacoli passava l’arrotino, un ometto che non arrivava al metro e settanta. Tra le strade del Borgo dei Pescatori: "Signò, ‘o molafuorbice”.

La frazione del Fusaro era una landa desolata, non c'era niente e recarsi a Bacoli, equivaleva a una memorabile gita a Roma

Nel 1782 il Fusaro, con le sue pertinenze, si accingeva a diventare un piccolo, ma assai significativo avamposto della capitale del Regno.

Vecchia foce del Fusaro è una delle tante meraviglie che caratterizzano la nostra poco apprezzata e conosciuta Terra Flegrea.

Definirla semplicemente assuntrice di custodia era alquanto riduttivo, Filomena, era meglio nota come la custode della Piscina Mirabile.

Scorcio di vita vissuta nel borgo Aret'à chiesa di Sant'Anna di Bacoli solo poche decine di anni fa raccontato da Ciro Amoroso